Indice articoli

Mentre scrivo, ricevo una mail: "Ciao Don...Chiudi gli occhi e ascolta...

Seme gettato nel mondo, Figlio donato alla terra,

il tuo silenzio custodirò

Resto con te, Gen Verde

 

...cosa ne dici?

Antologia del Silenzio 

a cura di don Maurizio

Mentre di passaggio sosto davanti alla televisione assisto ad una breve intervista. Una bella signora, da tratti sottili e dai modi garbati, di un sorriso pacificato, intrattiene l'attenzione di chi interessato ascolta la proposta della Accademia del Silenzio per l'anno 2014.

Addirittura una Accademia del Silenzio, penso, forse una "trovata" dell'ultimo intellettualismo pseudo spirituale.

Mi informo.

L'accademia del silenzio è una scuola, un laboratorio, un'occasione di confronto. Un luogo dove incontrarsi per condividere esperienze legate al silenzio. Uno spazio didattico dove esercitare le risorse terapeutiche e creative del silenzio. Una scelta ecologica contro l'inquinamento acustico, ma anche contro l'inquinamento esistenziale. Un viaggio di ricerca, che parte da una semplice convinzione: che il silenzio è un'arte, che si può sperimentare, imparare e condividere e che riscoprire il silenzio significa innanzitutto ricostruire un rapporto diverso con il tempo delle proprie esperienze. E' una proposta per chi già ama il silenzio, per chi ha bisogno di rieducarsi al silenzio, per stress emotivi o disagi esistenziali, per chi cerca il silenzio per coltivare hobby creativi (scrittura, pittura...), per chi necessita di strumenti di teoria e pratica del silenzio a scopo professionale. Gli ideatori: Duccio Demetrio. E' professore ordinario di Filosofia dell'educazione e di Teorie e pratiche della scrittura all'Università degli studi di Milano–Bicocca. Direttore della rivista Adultità, è fondatore e presidente della Libera Università dell'Autobiografia di Anghiari. Con lui, Nicoletta Polla-Mattiot, giornalista, saggista, scrittrice e curatrice di molteplici edizioni. Per il coordinamento scientifico-organizzativo è presente Emanuela Mancino, ricercatrice presso l'Università degli Studi Milano Bicocca, dove insegna Metodologie della Formazione. È docente presso la Libera Università dell'Autobiografia di Anghiari. Quindi, per finire un gruppo promotore anima l'attività della Accademia che nel suo intento mira a valorizzare l'importanza del silenzio per il benessere psicologico, per la creazione di momenti di condivisione non solo dedicati alla parola, per il miglioramento delle consuetudini e degli atteggiamenti mediante i quali ci rapportiamo alle bellezze artistiche, naturalistiche e del paesaggio. Momenti, inoltre, volti ad accrescere, a consolidare, a riscoprire l'amore per la lettura, la scrittura, la poesia, la meditazione, il senso estetico, il rispetto per la natura, l'ascolto musicale e delle voci umane.
La Scuola intende pertanto proporsi come luogo nel quale, in una realtà di straordinario fascino ambientale, i partecipanti potranno vivere e sperimentare, sia individualmente che insieme, momenti di apprendimento, di conoscenza di sé, di narrazione reciproca, attraverso lezioni, laboratori, escursioni diurne e notturne in cammino, tra le colline circostanti, al fine di saperli riproporre nei loro luoghi di vita, di impegno sociale ed educativo, di lavoro, nonché negli ambiti più diversi dove il predominio del rumore turbi e comprometta la crescita della nostra vita interiore.

L'attività è densa di cultura letteraria che spazia dalla fede civile a quella più propriamente confessionale; due esempi di recensione da parte dell'Accademia mettono in rilievo l'interesse culturale e spirituale sul tema del silenzio: