Oratorio

A fianco della chiesa parrocchiale, dopo un cancello sempre aperto e sotto gli sguardi speranzosi delle finestre della casa del don, la piazzetta del nostro oratorio ci invita a sedere sotto il portico o vicino agli spogliatoi del campo sportivo e da tennis.

Sì, perché l’Oratorio per noi è un luogo di incontro, dove racconti cosa è successo a scuola o al lavoro, gusti un gelato nel bar o ti fai le sfide al biliardino e magari vedi lo zio col nipotino giocare al parco giochi vicino al campo da basket.

Se ti fermi in mezzo alla piazzetta puoi vedere la porta che apre alle stanze del catechismo e al salone dove feste di bimbi, gare canore e conferenze si alternano durante tutto il corso dell’anno.

Non dimentichiamo la casa delle suore, la cappelletta invernale e la stanza del gruppo Caritas, tutte che si affacciano sulla piazza davanti alla chiesa.

Ebbene sì, questo è il nostro Oratorio. Ma a niente varrebbero gli edifici e i materiali se non fosse per gli infiniti gruppi di persone che si incontrano, che vivono e animano l’Oratorio stesso. Le mamme per le feste dei bimbi, l'educatore, il don e le suore, gli instancabili baristi, i gruppi adolescenti e di catechismo, il Cag, i catechisti, la Caritas, i calciatori, tutti i giovani volontari che animano le feste patronali e vivono l’Oratorio come una seconda casa, fino ad arrivare ai curiosi capannelli occasionali che si ritrovano nel bar anche solo per una birra.

E se stai bene attento a questo mosaico di persone, dopo un po’ puoi capire che l’Oratorio non sono le sole pareti, se non le senti risuonare degli inni del Grest e del fare catechismo; non è il solo campo da calcio, se non vedi i colori delle squadre e il pallone in gioco; non è il solo bar, se non provi la festosa atmosfera del ritrovarsi anche solo qualche minuto insieme.

L’Oratorio si vive nel condividere emozioni ed esperienze, delusioni e speranze, timori e certezze. E se lo vogliamo l’Oratorio rivela anche la possibilità di trovare quel qualcosa di più che tanto cerchiamo: la liberazione dalle sofferenze nell’irresistibile buona notizia che Gesù Cristo è davvero qui con noi e ci ama profondamente.

L’Oratorio respira come noi respiriamo e il battito del suo cuore continuerà finché noi, con la nostra partecipazione, permetteremo che batta.

Di seguito il calendario degli incontri dei gruppi dei genitori ICFR.

Ricordiamo a tutti che nella sezione Calendario di questo sito potete rimanere sempre aggiornati con tutte le iniziative e gli eventi della parrocchia.

Inoltre il calendario può seguirvi sul vostro cellulare. L'indirizzo pubblico del calendario è: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per iscriversi a questo calendario, se avete Google Calendar è sufficiente aprirlo, fare click sulla freccia a destra di "Altri calendari", scegliere "Aggiungi il calendario di un amico, digitare l'indirizzo del calendario e premere OK. Da quel momento avrete a disposizione tutti gli avvisi parrocchiali della settimana.

Leggi tutto: Calendario incontri Genitori ICFR 2017 - 2018

Meeting ICFR 2014Anche quest'anno il nostro vulcanico don Maurizio, ha ideato il meeting dell'ICFR con la "complicità" dei catechisti e degli accompagnatori dei genitori dei ragazzi.

Il tema di quest'anno era il Progetto educativo dell'Oratorio che finalmente ha avuto il suo battesimo pubblico.

Aiutati dal Grande Mago progresso, abbiamo analizzato la nostra società ed il nostro modo di vivere per poi passare in chiesa per un momento di preghiera e per fare la conoscenza di S.Giovanni Paolo II, al quale è intitolato il nostro oratorio.

Poi la consegna del progetto che, come tutti i progetti DEVE diventare vivo con la collaborazione di tutte le "anime" dell'oratorio, dei genitori dei ragazzi e dei ragazzi sessi, alrimenti rimarrà solo l'ennesimo opuscolo informativo su "quanto sarebbe bello se..."

Infine, una bellissima Sfilata di Moda sul tema "la chiesa fra tradizione e innovazione", qualche gioco in compagnia guidato nientemeno che dall'Arcangelo Ocilda e dall'angelo Pamela, le testimonianze di quegli "alieni" che si prodigano per gli altri tutto l'anno, e l'immancabile merenda tutti insieme (sembravamo uno sciame di cavallete) per concludere un bel pomeriggio baciato dal sole, divertente, piacevole, ma soprattutto utile, almeno spero.

Peccato che non fossimo molti ad aver approfittato di questa occasione. Spero che l'anno prossimo la partecipazione sarà molto, molto più "comunitaria".