Il Santuario

Ah, prope no, nò te se mia piö chèla
dei nos bei agn, o cara Madunìna!,
quand che te ìdïem töta biaca e bèla
en mès ai pracc, o casa cesulìna!

Mè pias co la memoria a turnà endrè
e me regorde che 'n del tep de guèra,
quando che ignďem finalmente a cà,
dopo tat pianzer e tat tribülà,
el prim saluto tè 'n gel dàet té,
apena ultàt la svolta de la Crus;
el prim saluto dela nostra tèra,
bel Santüar, candid e pressiùs!

E la sò strada, comoda, sigüra,
piena de pace, piena de frescüra,
(du veci, du mùrus,gnari de scöla,
ön om col fé, ön om co la cariöla,
'na mama piena dè pensér e crus
dè diga a la Madona a bassa us...)

Töt ghè cambiàt e lè, la Madunìna,
la par vignida grisa e picinina
sota 'l cemento de sinquanta cà,
dès condomini e quindes capanù...

Poer Santüare dè l'Annunciassiù!
E poera strada töta 'n bacanì
dè moto, motocar e muturì.
Ghe gnìt l'asfalt, le cà chè ghéra mia,
ma ghè scapàt la pace e la poesia.

Certo, èl porgresso l'è 'na roba bela
e a tante robe i ga diritto töcc;
però l'è triste véder coì sò öcc
che adès la Madunina ll'è piö chèla!

Ah, proprio no, non sei più quella
dei nostri bei tempi, o cara Madonnina,
quando ti vedevamo tutta bianca e bella
in messo ai prati, o cara chiesetta!

Mi piace con la memoria ritornare
e mi ricordo che in tempo di guerra
quando tornavamo finalmente a casa,
dopo tanto piangere e tanto tribolare,
il primo saluto ce lo davi Tu,
appena svoltata la curva della Croce
il primo saluto della nostra terra
bel Santuario candido e prezioso

E questa strada, comoda, sicura
(due vecchietti, due morosi, ragazzi di scuola
una mamma piena di pensieri e croci
da dire alla Madonna a bassa voce)

Tutto è cambiato, e lei, la Madonnina,
sembra divenuta grigia e piccolina
sotto il cemento di cinquanta case
dieci condomini e quindici capannoni...

Povero Santuario dell'Annunciazione
E povera strada, tutta un baccano
di moto,motocarri e motorini.
È arrivato l'asfalto, le case che non c'erano,
ma sono scappate la pace e la poesia.
Certo, il progresso è una cosa bella
e a molte cose hanno tutti diritto
Però è triste vedere con i nostri occhi
che adesso la Madonnina non è più la stessa!

Armando Ricci (1973)

L’istituzione ed il Breve di approvazione

Come ricorda lo storico bresciano Antonio Fappani: “È noto quale ruolo abbiano ricoperto nella storia della pietà cristiana in genere e mariana in specie le Compagnie, le Discipline e le Confraternite. Esse furono in un certo senso l’organizzazione stessa della pietà, i centri propulsori di essa. Non organizzazione burocratica, e perciò mortificante, ma una unione, un conglobamento - se così si può dire - di spiriti, che, dandosi una Regola, si sforzavano di manifestare, nel miglior modo possibile e in vicendevole esempio, la loro devozione e di potenziare il loro sforzo nelle opere di culto e di beneficenza”[1] .

Leggi tutto: La Confraternita di S. Maria Annunziata del Santuario (sec. XVIII)