Ma come, siamo solo a ottobre e già parliamo di presepe? Con tutti gli impegni che abbiamo, ci penseremo, se va bene, una settimana prima del Natale a trovare un angolino per Gesù che nasce!
Per fortuna i VOLONTARI del gruppo "Amici del Presepio" non la pensano così … già dall'inizio di ottobre sono al lavoro due pomeriggi alla settimana per pulire l'argine del fiume e fare dei piccoli / grandi lavori di manutenzione alle casette.

È una storia che ha inizio nel 1988 quando don Daniele Faita, l'allora curato di Marcheno, espresse il desiderio di portare all’esterno la natività, in un luogo dove ogni passante potesse fermarsi ad ammirare l’Opera. Così nasce e, anno dopo anno, cresce la tradizione del presepe sull'argine del fiume Mella. Quanta cura, quanto amore e dedizione mostrano i volontari che, senza preoccuparsi del freddo, della pioggia o della neve, si ritrovano ogni anno per "consegnare" alla comunità di Marcheno, ma non solo, un fantastico presepio.
Attualmente, il team è composto da una quindicina di persone che, a vario titolo, collaborano insieme per l'allestimento. È importante sapere che tutte le offerte raccolte contribuiscono all'abbellimento del presepe e alla sua messa in sicurezza (vedi nuova gradinata d'ingresso). Inoltre anche le donazioni di materiali (quali per esempio: vecchie tegole, legname vecchio, piccole suppellettili, etc.) sono molto gradite.
Per questa edizione 2014 sono in cantiere delle modifiche strutturali che potrebbero vedere la luce quest'anno o nel 2015; tutto dipende dal reperimento di legname vecchio, indispensabile per non modificare l'armonia esistente. Pertanto, se qualcuno avesse la possibilità di donare al presepe un po’ di legname vario (come ad esempio travi, travetti, tavole, etc…) è pregato di rivolgersi ai volontari.
Dove trovarli? Facile… al lavoro, presso l'argine del fiume (martedì, venerdì e sabato pomeriggio); oppure telefonando a Mauro al 333-3518406.

Da un confronto è emerso anche il desiderio di poter allargare il team degli "Amici del Presepio" così da contare su forze nuove, apportatrici, magari, di nuove idee e/o talenti diversi. Che dire, per esempio, se ci fosse qualcuno che, anche "lavorando" a casa, potesse preparare, confrontandosi con le indicazioni di tutti i volontari, delle nuove "figure" per il presepio con abiti tradizionali? Oppure dei collaboratori che potessero dedicare qualche ora del proprio tempo per i lavori presso l'argine? Le cose da fare, come potete vedere anche dalla foto, sono tante; ma la passione e la collaborazione reciproca dei volontari permettono alla comunità di poter "vantare" il presepio sull'argine del fiume.
I lavori, come dicevamo, sono iniziati, ma la strada è ancora lunga; se qualcuno volesse percorrerne un pezzetto insieme agli "Amici del Presepio" e lasciare la sua impronta nell'opera è il benvenuto! Grazie e ... buon lavoro!!!

Sara