laurabrasileOrmai è trascorso il primo mese dal mio arrivo ad Uniao da Vitoria, una piccola e sperduta cittadina nell'interno del sud del Brasile; un insieme di motivazioni e circostanze mi hanno condotta fino a qui: è sempre stato un mio sogno quello di poter vivere un'esperienza differente, in una realtà complessa e problematica, e poiché lo Stato Italiano, tramite il Servizio Civile, offre tale possibilità ne ho approfittato, e dopo colloquio e selezione avuti con l'ONG di Scaip (organizzazione non governativa con sede a Brescia e operante in vari Paesi che presentano situazioni complesse) sono riuscita a partire.

Ho cercato di non farmi grandi aspettative per poter vivere al meglio e con serenità i 10 mesi di permanenza all'interno dell'istituto religioso piamartino di cui sono ospite e collaboratrice, che è stato fondato sull'idea di aiuto ai giovani in difficoltà tipica del Santo G.B. Piamarta di Brescia.

L'istituto è costituito da più strutture: scuola elementare e media, palestra, piccola piscina all'aperto, mensa, case per i ragazzi che da lunedì a venerdì vivono all'interno della struttura, alcune case per qualche dipendente.. una realtà molto complessa che però offre fin dal primo impatto un senso di serenità e felicità.

Moltissimi quindi sono i bambini che ogni giorno si incontrano ed il lavoro da fare non manca sicuramente; personalmente in questo mese mi sono dedicata per alcune ore al giorno alla gestione di giochi ed attività sportive (essendo questo il mio ambito lavorativo), oltre all'aiuto in piccole altre mansioni quotidiane. Adesso siamo però agli ultimi giorni di scuola, dobbiamo infatti ricordarci che qui le stagioni sono invertite, inizia ora l'estate e con il Natale arrivano anche le vacanze di fine anno scolastico.

Ma il lavoro per me e Federica (la ragazza sarda che con me condivide questa esperienza) non finisce, infatti ci sono moltissime strutture che hanno bisogno di interventi per essere sistemate, pulite, riordinate, in modo da offrire ai bambini un posto ancora più accogliente quando a febbraio torneranno per il nuovo anno scolastico.

Queste sono informazioni molto concrete, ora però voglio dedicare un paio di righe alle sensazioni ed emozioni che provo ogni giorno: il clima di serenità e disponibilità che ho trovato mi hanno permesso di ambientarmi subito e di sentirmi così a “casa”; i sorrisi dei bambini, gli abbracci infiniti e continui che regalano, gli occhi dolci e furbi, la loro gioia di vivere nonostante le difficoltà sono invece la ricompensa migliore del tempo a loro dedicato e la conferma di aver fatto una scelta giusta!

Spero con tutto il cuore di poter incrementare ulteriormente le sensazioni positive, anche se sono sicura che tornerò in Italia arricchita nel cuore e nell'anima; continuerò inoltre a dare il massimo in ogni singola attività, perché i bambini di tutto il mondo meritano di vivere questi anni in serenità, dedicandosi alla scuola ed al gioco, preoccupazioni e difficoltà vanno tenute il più lontano possibile!

Non dimentichiamoci mai della fortuna che noi abbiamo, e quando ci lamentiamo per ogni piccola cosa pensiamo a chi, nei nostri “scarti” trova invece un regalo, un gioco, un vestito “nuovo”.

Auguro a tutti un Buon Natale!

P.s: se qualcuno fosse interessato a conoscere meglio il progetto e l'ONG di Scaip basta digitare il nome in internet per trovare il sito e tutte le informazioni!

Laura Zubani

Uniao da Vitoria, Brasile 14-12-15